Il superuomo prossimo venturo

Pubblichiamo di seguito una nostra traduzione (accontentatevi e perdonate gli errori) della Sintesi di un rapporto dello U.S. Army’s Combat Capabilities Development Command che affronta le prospettive dello sviluppo di un cyborg soldato che potenzia l’umano con la tecnologia.

Il rapporto è interessante e inquietante non tanto e non solo per le implicazioni militari, quanto per quelle civili. Come ammette lo stesso rapporto, «l’introduzione di esseri umani potenziati nella popolazione in generale … porterà a squilibri, disuguaglianze e ingiustizie in termini legali, di sicurezza ed etici. Ognuna di queste tecnologie offrirà un certo livello di miglioramento delle prestazioni agli utenti finali, che amplierà il divario di prestazioni tra individui e gruppi potenziati e non potenziati».

La prima domanda che si pone è: dovrà l’umanità anche questa volta soffrire un disastro catastrofico per capire che è necessario strappare la potenza della tecnologia dalla “mano (per nulla) invisibile” delle “forze del (per nulla) libero mercato”?

La seconda domanda è: potrà sopravvivere l’umanità a un ennesimo disastro catastrofico, vista l’incredibile potenza cui è giunta la tecnologia?

Un gruppo di studio del Biotechnologies for Health and Human Performance Council (BHPC; Alexandria, VA) del Dipartimento della Difesa ha esaminato una vasta gamma di tecnologie attuali ed emergenti rilevanti nell’assistere e migliorare le prestazioni umane in molti settori. Il team ha utilizzato queste informazioni per sviluppare una serie di bozze come casi di studio per discussioni e analisi, compresa la fattibilità, l’applicazione militare e le considerazioni di implicazione etica, legale e sociale. Alla fine, il team ha selezionato quattro bozze come tecnicamente fattibili entro il 2050 o prima. Le seguenti bozze sono rilevanti per le esigenze militari e offrono capacità che superano gli attuali sistemi militari:

  • miglioramenti oculari alla rappresentazione visiva, alla vista e alla consapevolezza situazionale;
  • ripristino e controllo muscolare programmato attraverso una tuta dotata di una rete di sensori optogenetici;
  • potenziamento uditivo per comunicazione e protezione;
  • e potenziamento neurale diretto del cervello umano per il trasferimento di dati bidirezionale.

Sebbene ciascuna di queste tecnologie offrirà il potenziale per migliorare in modo incrementale le prestazioni oltre la normale linea di base umana, l’analisi del gruppo di studio BHPC ha suggerito che lo sviluppo di miglioramenti neurali diretti del cervello umano per il trasferimento di dati bidirezionale creerebbe un progresso rivoluzionario nel futuro militare funzionalità. Questa tecnologia è prevista per facilitare la capacità di lettura / scrittura tra uomo e macchina e tra uomo attraverso interazioni cervello-cervello. Queste interazioni consentirebbero ai combattenti di guerra di comunicare direttamente con sistemi senza pilota e autonomi, nonché con altri umani, per ottimizzare i sistemi e le operazioni di comando e controllo. Il potenziale per lo scambio diretto di dati tra reti neurali umane e sistemi microelettronici potrebbe rivoluzionare le comunicazioni tattiche di warfighter, accelerare il trasferimento di conoscenze lungo la catena di comando e infine dissipare la “nebbia” della guerra. Miglioramento neurale diretto del cervello umano attraverso le interfacce neuro-silice potrebbero migliorare l’acquisizione e l’impegno degli obiettivi e accelerare i sistemi difensivi e offensivi.

Sebbene il controllo dell’hardware militare, una maggiore consapevolezza della situazione e una più rapida assimilazione dei dati garantita dal controllo neurale diretto, altererebbero sostanzialmente il campo di battaglia entro il 2050, è probabile che anche le altre tre tecnologie cyborg siano adottate in qualche modo dai combattenti e dalla società civile. Il gruppo di studio BHPC ha previsto che le tecnologie di potenziamento uomo / macchina diventeranno ampiamente disponibili prima del 2050 e matureranno costantemente, in gran parte guidate dalla domanda civile e da una solida bioeconomia che è alle sue prime fasi di sviluppo nel mercato globale di oggi. Il mercato sanitario globale alimenterà le tecnologie di potenziamento uomo / macchina principalmente per sopperire alla perdita di funzionalità da infortuni o malattie e le applicazioni di difesa probabilmente non guideranno il mercato nelle sue fasi successive. Il gruppo di studio BHPC ha anticipato che la graduale introduzione di benefiche cyborg-tecnologie riparatrici, in una certa misura, acclimaterà la popolazione al loro uso.

Il gruppo di studio BHPC ha previsto che l’introduzione di esseri umani potenziati nella popolazione in generale, nel personale in servizio attivo del Dipartimento della Difesa e negli avversari accelereranno negli anni successivi al 2050 e porteranno a squilibri, disuguaglianze e ingiustizie in termini legali, di sicurezza ed etici. Ognuna di queste tecnologie offrirà un certo livello di miglioramento delle prestazioni agli utenti finali, che amplierà il divario di prestazioni tra individui e gruppi potenziati e non potenziati. Il gruppo di studio BHPC ha analizzato casi di studio e ha posto una serie di questioni per guidare la sua valutazione dell’impatto su programmi, politiche e operazioni del Dipartimento della Difesa. Di seguito sono riportate le raccomandazioni risultanti (non elencate in ordine di priorità):

1. Il personale del Dipartimento della Difesa deve condurre valutazioni globali della consapevolezza e della percezione sociale delle tecnologie di potenziamento uomo / macchina. Esiste una percezione generalizzata negli Stati Uniti secondo cui i nostri avversari hanno maggiori probabilità di adottare tecnologie che le popolazioni statunitensi sono riluttanti o non disposti a mettere in campo a causa di preoccupazioni etiche. Tuttavia, l’atteggiamento dei nostri avversari verso queste tecnologie non è mai stato verificato. L’apprensione sociale a seguito dell’introduzione di nuove tecnologie può portare a barriere politiche impreviste e a rallentare l’adozione domestica, indipendentemente dal valore o dal rischio realistico. La valutazione degli atteggiamenti globali dirà in anticipo dove potrebbe essere difficile introdurre nuove tecnologie a causa delle barriere sociopolitiche alla loro adozione e quando l’adozione delle tecnologie di compensazione da parte degli avversari potrebbe essere probabilmente accettata più prontamente.

2. La leadership degli Stati Uniti dovrebbe utilizzare forum esistenti e di recente sviluppo (ad esempio la NATO) per discutere degli impatti sull’interoperabilità con i partner alleati mentre ci avviciniamo al 2050. Ciò contribuirà a sviluppare politiche e pratiche che massimizzeranno l’interoperabilità delle forze. Il rapido ritmo di sviluppo delle cyborg tecnologie ha implicazioni per l’interoperabilità delle forze militari. La necessità del Dipartimento della Difesa di mantenere l’interoperabilità con i partner alleati all’interno della NATO e di altri quadri di alleanze globali garantisce l’impegno ad adoperarsi per allineare i vantaggi del cyborg con la dottrina del partenariato alleato esistente.

 

Seguici su Telegram

 

3. Il D. d. D. dovrebbe investire nello sviluppo di quadri giuridici, di sicurezza ed etici dinamici sotto il suo controllo che anticipino le tecnologie emergenti. Le attuali strutture legali, di sicurezza ed etiche sono insufficienti a causa della velocità con cui queste tecnologie si stanno sviluppando negli Stati Uniti e in altre nazioni del mondo (alleate e avversarie). Pertanto, il D. d. D. dovrebbe supportare lo sviluppo di politiche orientate al futuro (interne ed esterne) che proteggano la privacy individuale, sostengano la sicurezza e gestiscano il rischio personale e organizzativo, massimizzando al contempo benefici definiti per gli Stati Uniti e i loro alleati e beni. Poiché l’operatività della tecnologia per la sicurezza nazionale è al centro della missione del D. d. D., questi quadri dovrebbero essere strutturati per essere agili e reattivi alle nuove tecnologie sviluppate negli Stati Uniti o altrove.

4. Dovrebbero essere intrapresi sforzi per invertire i racconti culturali negativi delle tecnologie di potenziamento. Attraverso i media, la letteratura e il cinema popolari, l’uso di macchine per migliorare le condizioni fisiche della specie umana ha ricevuto una narrativa distorta e distopica in nome dell’intrattenimento. Una narrazione più realistica ed equilibrata (se non più positiva), insieme alla trasparenza nell’approccio del governo all’adozione della tecnologia, servirà a educare meglio il pubblico, mitigare le apprensioni sociali e rimuovere gli ostacoli all’adozione produttiva di queste nuove tecnologie. Il pubblico informato aiuterà anche a chiarire le preoccupazioni sociali valide, come quelle relative alla privacy, in modo che il personale del D.d.D. possa sviluppare strategie di mitigazione, quando possibile. Sebbene non sia intrinsecamente una missione del D.d.D., la leadership della difesa dovrebbe capire che dovranno essere superate le percezioni pubbliche e sociali negative, se queste tecnologie devono essere messe in campo.

5. Il personale del D.d.D. dovrebbe condurre giochi di guerra e valutazioni mirate delle minacce per determinare la dottrina e la tattica delle forze alleate e avversarie. I giochi di guerra sono un meccanismo consolidato per misurare l’impatto delle tecnologie asimmetriche su tattiche, tecniche e procedure. Esercitazioni da tavolo che esplorano vari scenari dell’integrazione e dell’uso delle tecnologie uomo / macchina da parte degli Stati Uniti o dei suoi avversari prevederanno i vantaggi compensati, identificheranno i punti di attrito dell’interoperabilità organizzativa della NATO e degli altri alleati e informeranno gli strateghi militari senior e gli investitori nell’ambito della scienza e della tecnologia. Il personale del D.d.D. dovrebbe supportare questi sforzi usando valutazioni di intelligence mirate di questo campo emergente.

6. Il governo degli Stati Uniti dovrebbe sostenere gli sforzi per stabilire un approccio dell’intera nazione alle tecnologie di potenziamento uomo / macchina rispetto a un approccio dell’intero governo. Gli investimenti federali e privati in queste aree non sono coordinati e vengono superati dagli sforzi di ricerca e sviluppo cinesi, che potrebbero tradursi in una perdita del dominio degli Stati Uniti nelle tecnologie di potenziamento uomo / macchina entro i tempi previsti di questo studio. Il dominio quasi pari nel settore privato metterà in svantaggio gli interessi statunitensi nel settore della difesa e potrebbe portare a uno svantaggio nel campo del potenziamento uomo / macchina entro il 2050. Uno sforzo nazionale per sostenere il dominio degli Stati Uniti nelle cyborg tecnologie è nel migliore interesse del D.d.D. e della nazione.

7. Il D.d.D. dovrebbe sostenere la ricerca di base per convalidare le tecnologie di fusione uomo / macchina prima di metterle in campo e tenere traccia della sicurezza e dell’impatto a lungo termine su individui e gruppi. I benefici offerti dalle fusioni uomo / macchina saranno significativi e avranno impatti positivi sulla qualità della vita dell’umanità attraverso il ripristino di qualsiasi funzionalità persa a causa di malattie o lesioni. La comunità militare vedrà anche opportunità di capacità che avranno un impatto sulle operazioni e l’addestramento. Man mano che queste tecnologie evolvono, è essenziale che le comunità scientifiche e ingegneristiche si muovano con cautela per massimizzare il loro potenziale e concentrarsi sulla sicurezza della nostra società. Investimenti adeguati in queste aree lavoreranno per mitigare l’uso improprio o le conseguenze indesiderate di queste tecnologie.

 

Seguici su Telegram

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...