L’Italia dovrebbe condurre gli Stati membri fuori dalla distopia neoliberista dell’Eurozona

Il post che segue è la traduzione di un recente post di Bill Mitchell sulla guerra della Commissione europea alla manovra economica del governo giallo-verde. A una prima parte in cui l’autore commenta e smonta le solite argomentazioni fastidiosamente e spocchiosamente moralistiche di un articolo apparso sul sito di notizie tedesco Spiegel Online, segue una seconda parte in cui, dati alla mano, Mitchell dimostra che il debito italiano è totalmente sostenibile anche secondo i parametri del pensiero economico mainstream, e che «l’intera farsa è un gioco di potere e un’imposizione ideologica e non ha molto a che fare con i dati economici della situazione». Se ciò è vero, rimane solamente un’altra spiegazione: secondo la Commissione (e la Germancia che sta dietro di lei) l’Italia deve piegarsi e rinunciare anche all’ultimo brandello di sovranità e autodeterminazione.

**********************

di Bill Mitchell

Il molto seguito sito di notizie tedesco, Spiegel Online, ha pubblicato un incredibile articolo la scorsa settimana (1° novembre 2018): L’Italia raddoppia la minaccia alla stabilità dell’euro, il che mi conferma che sono stati fatti pochissimi progressi all’interno dell’area dell’euro lungo la via della comprensione culturale a partire dalla Grande Crisi Finanziaria (GCF). Questo, a sua volta, mi dice che l’unione monetaria non sarà in grado di uscire dall’austerità e ora è più esposta che mai a rompersi quando arriverà la prossima crisi. L’attuale situazione italiana è il peggior incubo della Commissione europea. Ha potuto accordarsi con la BCE e il Fondo monetario internazionale per sottomettere la Grecia, in parte a causa delle dimensioni dell’economia greca, ma anche perché conoscevano bene la statura di Tsipras e Syriza. Sapevano che la politica avrebbe ceduto e che sarebbero diventati gli agenti dei loro piani neoliberisti. Ma i politici in Italia potrebbero rivelarsi di altra pasta – lo si spera. E l’Italia è una grande economia e una dei primi aderenti alla Comunità. Quindi la posta in gioco è più alta. Ma ciò che la Commissione chiede all’Italia nell’attuale situazione di crescita economica zero e massicce eccedenze fiscali primarie è totalmente irresponsabile. Non raggiungerà nemmeno gli obiettivi dichiarati dalla Commissione di ridurre il rapporto debito pubblico / PIL. È probabile che la strategia della Commissione, se riuscirà a mettere in ginocchio il governo italiano, aumenterà ulteriormente il rapporto. E intanto, l’Italia sguazza in una sorta di distopia neoliberale. L’Italia dovrebbe condurre gli altri Stati membri fuori da questo disastro neoliberista.

La tesi nell’articolo dello Spiegel è che:

Cresce il timore che la crisi dell’euro possa presto tornare. L’Italia potrebbe innescare una reazione a catena se non si arrenderà alla richiesta dell’Unione europea di frenare le spese di deficit programmate. La preoccupazione è in aumento a Bruxelles e sui mercati finanziari.

Quindi, la colpa è dell’Italia. Questa è la visione tedesca.

Riferiscono che la decisione della Commissione Europea di costringere l’Italia a rivedere il proprio piano fiscale entro tre settimane:

… non ha precedenti nella storia dell’Unione europea ed è un’umiliazione per l’Italia.

Gli italiani sembrano aver reagito con un po’ di spavalderia, con il leader della Lega Matteo Salvini che ha chiesto che “I signori dello spread dovrebbero farsi da parte”.

Il primo ministro Giuseppe Conte ha detto:

Più studio il budget del progetto, più mi piace.

Il fatto è che il piano fiscale elaborato dal nuovo governo “soddisferà le promesse elettorali”. Cioè, il popolo italiano ha chiaramente votato a favore di tali politiche e l’intervento della Commissione europea si limita a sottolineare la natura antidemocratica dell’Unione europea e delle sue istituzioni.

Però c’è molto di più e analizzerò se l’intervento della Commissione abbia un senso economico sottostante.

L’articolo di Spiegel Online è saldamente dalla parte di Bruxelles, sorpresa sorpresa.

Scrive:

Come membro dell’Eurogruppo, che governa la moneta comune, l’Italia accetta di sottostare alle sue regole. I precedenti governi in Italia hanno firmato trattati che si applicano ancora ai loro successori. E quando il governo italiano infrange queste regole, mette a repentaglio non solo il benessere del proprio paese, ma anche quello dell’intera unione monetaria.

Giusto. Ma un nuovo governo può respingere quelle regole e spingere per nuovi accordi.

Ma Spiegel Online ritiene che la manifestazione del governo italiano della sua intenzione di perseguire la volontà popolare attraverso il suo piano fiscale sia semplicemente un “ricatto”.

L’Italia è considerata una “bomba ad orologeria monetaria nel mezzo del continente”.

Afferma che una “’Italexit’ avrebbe conseguenze devastanti – non solo per il paese stesso, ma anche per le economie dell’area dell’euro”.

La linea standard in altre parole, che viene tirata fuori ogni volta che una nazione cerca di affermare qualsiasi intenzione democratica, ed è progettata per creare una paura irrazionale e prevenirne la volontà.

Ho considerato tutti i casi nel mio libro del 2015 – Eurozone Distopia – e ho concluso che l’Italia starebbe molto meglio fuori dall’Eurozona di quanto non stia rimanendo dentro.

Ci sarebbero costi di transizione, che potrebbero essere significativi, ma una volta effettuato l’aggiustamento il futuro sarebbe molto più luminoso di quanto non sia nella valuta comune.

E, almeno Spiegel Online ammette che:

La crisi dell’euro non si è mai conclusa veramente, è stata solo oscurata dai miliardi facili della BCE. In effetti, la crisi potrebbe tornare in qualsiasi momento se i mercati finanziari perdessero la fiducia, se gli investitori si ritirassero o se gli speculatori iniziassero a scommettere contro i singoli paesi. E, come tale, contro l’euro.

Questa è la realtà.

Solo la BCE ha impedito l’insolvenza in diversi Stati membri nel 2010 e di nuovo nel 2012.

La moneta comune è sopravvissuta solo perché la BCE ha violato sistematicamente le regole del trattato, pur rivendicando il contrario, e la Commissione ha chiuso un occhio.

Il fatto è che la BCE ha finanziato deficit fiscali dal maggio 2010 e mentre può affermare di aver acquistato trilioni di euro di obbligazioni governative solo come un’operazione di “gestione della liquidità”, la verità è ovviamente diversa.

Spiegel Online sta chiaramente cercando di gettare tutta la colpa sull’Italia.
Sostengono che la crisi incombente dipende da:

… un paese come l’Italia non segue le regole.

Stanno zitti sulle eccedenze di conto corrente in corso che la Germania ha gestito, che hanno ben violato le regole dell’Eurozona.

Le eccedenze esterne tedesche (media triennale) sono aumentate dal 6,2 per cento del PIL nel 2012 all’8,4 per cento nel 2017, dove il massimo consentito dalla procedura per gli squilibri macroeconomici è pari al 6 per cento del PIL.

Forse se la Germania spendesse più a livello nazionale, gli altri Stati membri non avrebbero più bisogno di stimolare la propria domanda interna.

È ridicolo isolare l’Italia in questo periodo attuale e accusarla di indebolire l’Eurozona.

I dati del conto nazionale della scorsa settimana rivelano quanto male l’economia generale dell’Eurozona stia funzionando. Ciò non ha molto a che fare con l’Italia e tutto ciò ha a che fare con il sistema monetario mal progettato che richiede una tendenza all’austerità a causa delle sue regole, in barba di un uso responsabile della politica fiscale.

Spiegel Online usa anche l’argomento della ingiustizia intergenerazionale – che l’aumento del debito sostenuto per finanziare l’attuale generazione significherà “che i loro figli un giorno dovranno rimborsare questi debiti”.
E scrivono che:

Coloro che sostengono che l’Italia ha bisogno di aumentare il potere d’acquisto della sua popolazione a spese delle generazioni future per innescare una ripresa economica stanno trascurando i significativi deficit strutturali del paese …

… [e] i rischi della crescita incontrollata del debito pubblico …

Vedremo in seguito che questa affermazione è ampiamente falsa.

Spiegel Online utilizza termini come un “figlio testardo” per descrivere i membri del governo italiano:

… come fai ad allevare un figlio testardo che trova la punizione incoraggiante?

Una rappresentazione morale con sfumature degradanti per l’Italia.

Il punto è che la Commissione europea è bloccata. Possono insistere sull’austerità anche se il piano fiscale italiano rientra nelle soglie fiscali del patto di stabilità e crescita.

Ma ora hanno a che fare con una grande economia e con un governo che è sempre stato scettico sull’Europa.

Quello con cui stanno progettando di fare il prepotente non è Syriza.

La Commissione spera chiaramente che i mercati obbligazionari aumenteranno i rendimenti sul debito pubblico italiano e porteranno il governo a rinsavire in questo modo.

Ma questo spinge l’Italia sull’orlo e i risultati saranno meno prevedibili.

 

Allora perché la crisi?

A prima vista, il piano fiscale rivisto presentato dal nuovo governo italiano proponeva solo un deficit fiscale del 2,4 per cento del PIL nel 2019 e poi tagli duri nel deficit.

Si ricordi che ciò di cui stiamo parlando è il saldo fiscale finale complessivo, che include i pagamenti degli interessi sul debito pubblico.

Il 2,4% del PIL è ovviamente ben all’interno della soglia del patto di stabilità e crescita del 3%. Ma il Fiscal Compact del 2012, che è una “versione più severa del patto di stabilità e crescita”, impone un “deficit strutturale non superiore a un obiettivo di bilancio a medio termine specifico per paese (MTO) che al massimo può essere fissato allo 0,5% del PIL per gli stati con un rapporto debito / PIL superiore al 60% “.

Quindi non è solo la soglia del 3 per cento che conta per le regole europee.

L’affermazione della Commissione europea è che il disavanzo del 2,4 per cento del PIL proposto dal governo italiano è troppo ampio per garantire progressi nella riduzione del suo rapporto debito pubblico, che si attesta intorno al 131,8 per cento del PIL.

Il 23 maggio 2018, la Commissione ha pubblicato la sua – Valutazione del programma di stabilità 2018 per l’Italia – e ha concluso che:

1. “L’Italia è attualmente soggetta al braccio preventivo del patto di stabilità e crescita (PSC) e dovrebbe garantire progressi sufficienti verso il suo OMT” (obiettivo di bilancio a medio termine).

2. “Poiché il rapporto debito / PIL era pari al 131,8% del PIL nel 2017, superando il valore di riferimento del 60% del PIL, l’Italia è anche soggetta al parametro di riduzione del debito.”

3. “A causa dell’inosservanza, da parte dell’Italia, dell’indice di riduzione del debito nel 2016 e 2017, il 23 maggio 2018 la Commissione ha pubblicato una relazione ai sensi dell’articolo 126, paragrafo 3, del TFUE che analizza se l’Italia è o meno conforme al criterio del debito del Trattato. La relazione concludeva che il criterio del debito definito nel trattato e nel regolamento (CE) n. 1467/1997 doveva essere considerato come attualmente rispettato, e che una PDE non è quindi giustificata in questa fase. “

Hanno segnalato che avrebbero valutato la “conformità” una volta che i nuovi dati fossero usciti – vale a dire, i piani fiscali del nuovo governo.

Sostenevano inoltre che la ripresa economica in Italia si era “rafforzata” e che l’economia sarebbe cresciuta dell’1,5 per cento nel 2018.

 

Qualche dato empirico

I dati più recenti sul PIL di Eurostat sono ora disponibili per il trimestre di settembre 2018 e mostrano un rallentamento generalizzato nell’Eurozona e una crescita zero per l’Italia.

Per raggiungere la stima di maggio 2018 della Commissione sulla crescita del PIL italiano del 2018, l’Italia dovrebbe crescere di quasi l’1,4 per cento nell’ultimo trimestre di quest’anno.

Il “Progetto di bilancio 2018 (DBP) del 2018 di ottobre 2017”, il lavoro del precedente governo italiano, aveva preso in considerazione il saldo fiscale sceso allo 0,8 per cento del PIL nel 2019, in base all’obiettivo di crescita dell’1,5 per cento.

La realtà è che l’obiettivo del PIL non sarà raggiunto.

Lungi dal rafforzarsi, la tendenza del PIL si sta appiattendo in negativo.

Il che significa che l’impatto ciclico sul bilancio fiscale sarà quello di spingerlo in un territorio con deficit maggiore e significa che l’obiettivo originario nel DBP non solo è irraggiungibile, ma è anche irresponsabile tentare di raggiungerlo.

Ecco il confronto tra l’evoluzione del PIL per l’Eurozona e l’Italia dal picco del marzo-trimestre 2008 prima della crisi.

L’economia italiana ora è il 5% più piccola e non può essere vista come ‘recuperata’ in alcun senso di quel termine.

Il grafico seguente mostra i tassi di crescita trimestrali per ciascuno dal trimestre di marzo 2015 al trimestre di settembre 2018.

L’Italia è di nuovo la peggiore considerando anche che il resto dell’Eurozona rallenta considerevolmente.

Il tasso di crescita trimestrale per l’Italia è in declino da quando ha raggiunto un picco piuttosto tiepido (0.51 per cento) nel marzo-trimestre 2015.

Ciò dovrebbe convincervi che la mia stima dell’impossibilità che l’Italia si avvicini alle stime della Commissione del maggio 2018 è solida.

Consideriamo ora la situazione del mercato del lavoro che è caratterizzata da una disoccupazione costantemente elevata in totale e per i giovani e tutti i problemi che accompagnano tale situazione: salari piatti, aumento dei tassi di povertà, lavori precari e il resto.

Il grafico seguente mostra i tassi di disoccupazione totale e giovanile dal trimestre di marzo 1985 al trimestre di giugno 2018.

Non ha senso affermare che l’Italia si sia ripresa dalla GCF.

Il fatto che la disoccupazione giovanile sia ancora intorno al 32 per cento (passando da un minimo del 20,4 per cento nel giugno-trimestre 2007, significa che a una generazione di giovani mancheranno le opportunità essenziali per transitare tranquillamente da scuola a lavoro e acquisire esperienza lavorativa necessaria come prerequisito di una vita adulta più sicura.

L’impatto dell’austerità inflitta all’Italia negli ultimi anni risuonerà per le generazioni a venire.

E questi sono i costi reali, non il preteso “peso del debito” che di solito si pretende rappresenti una violazione dell’equità intergenerazionale.

Possiamo aspettarci che il tasso di disoccupazione riprenda ad aumentare mentre la crescita è scesa a zero.

E ricorda, la disoccupazione è solo la “punta dell’iceberg”.

(…)

Tenendo conto di questi dati, sarebbe controproducente imporre una maggiore austerità all’Italia.

 

Dinamiche del debito pubblico

Ed ecco una realtà, che è per lo più trascurata dai commentatori del mercato finanziario che si concentrano solo sugli aggregati.

Il primo grafico mostra l’evoluzione del rapporto debito pubblico / PIL in Francia, Germania, Italia e Spagna dal 1995 al 2017. Gli indici sono fissati a 100 nel 1995.

Quindi il rapporto debito pubblico per l’Italia è aumentato di 12,2 punti su quel periodo di 22 anni, mentre il rapporto per la Germania è aumentato di 16,6 punti, Francia 75,6 punti e Spagna 59,0 punti.

Il rapporto debito / PIL dell’area dell’euro è aumentato complessivamente di 22,4 punti percentuali.

Infatti, come mostra il grafico successivo, l’Italia ha registrato uno dei più bassi cambiamenti nel suo rapporto debito pubblico dal 1995.

Quindi, quando Spiegel Online parla della “crescita fuori controllo del debito pubblico”, sa che è una bugia e rivela gli obiettivi dell’articolo.

Questi obiettivi non sono certamente quelli di informare correttamente i loro lettori.

Inoltre, mentre il grafico precedente consente di apprezzare che il cambiamento del rapporto debito pubblico dal 1995 è stato modesto per l’Italia, il grafico successivo lo dimostra più chiaramente.

La realtà è che il rapporto debito pubblico dell’Italia è aumentato negli anni ’80 ed è rimasto abbastanza stabile da allora. E quello è stato parte del problema.

In base ai criteri di convergenza per accedere alla fase 3 del processo di valuta comune nell’ambito dell’accordo di Maastricht, l’Italia è stata costretta a imporre un’aspra austerità fiscale dalla metà alla fine degli anni ’90.

Questa austerità ha prodotto la crescita del PIL relativamente povera che l’Italia ha subito.

È probabile che il rapporto debito / PIL aumenti comunque se l’austerità viene applicata perché il denominatore (PIL) diminuirà più rapidamente di qualsiasi riduzione del debito nelle condizioni attuali.

Gli economisti della Commissione europea devono saperlo.

Devono sapere che è controproducente nei termini del modo in cui hanno definito il problema nella loro valutazione (link sopra) per costringere l’Italia a tagliare ulteriormente le spese interne.

E questo significa che l’intera farsa è un gioco di potere e un’imposizione ideologica e non ha molto a che fare con i dati economici della situazione.

I dati economici della situazione suggerirebbero – indubbiamente – un deficit fiscale molto più alto di quello che il nuovo governo italiano stava proponendo.

 

Dinamica del bilancio fiscale

Ed ecco un’altra realtà, che è per lo più trascurata dai commentatori del mercato finanziario che si concentrano solo sugli aggregati.

Mentre il disavanzo fiscale complessivo nel 2017 era pari al 2,4 per cento del PIL, la componente relativa al servizio degli interessi di tale disavanzo era pari al 3,6 per cento del PIL.

Ciò significa che il saldo di bilancio primario era in attivo di un considerevole margine (1,2 per cento del PIL).

Ricorda che il saldo fiscale primario è la spesa totale meno pagamenti di interessi sul debito meno le entrate fiscali.

L’Italia ha gestito un avanzo fiscale primario di proporzioni variabili (in media oltre l’1,7 per cento del PIL) da alcuni anni a questa parte.

Il grafico seguente mostra il saldo fiscale effettivo e primario (utilizzando i dati disponibili dall’Istat (Istituto Nazionale di Statistica)).

È difficile rappresentare l’Italia come mal disciplinata rispetto alle sue impostazioni di politica fiscale.

Tutt’altro.

L’affermazione sull’Italia è sempre stata quella di dover gestire un consistente surplus fiscale primario per garantire che il debito non “fuoriuscisse” dal controllo.

L’argomentazione sostiene che con una crescita bassa e il rischio di inflazione elevata, se l’Italia avesse tentato di gestire avanzi primari minori, il debito avrebbe iniziato ad accelerare, specialmente se i tassi di interesse avessero iniziato a salire più velocemente del tasso di inflazione.

Il problema con questo tipo di ragionamento è che l’altro modo per stabilizzare il rapporto debito pubblico è ottenere tassi di crescita più rapidi e le eccedenze primarie militano contro questa opportunità.

Ciò, a sua volta, significa che l’Italia è bloccata in una sorta di distopia: bassa crescita, disoccupazione persistentemente alta, crescita dei salari lenta, aumento dei tassi di povertà e aumento dell’instabilità sociale.

La politica di questo tipo di distopia è instabile.

L’Italia deve semplicemente uscire dall’Eurozona per sfuggire a quella distopia.

In relazione all’ampia componente relativa al servizio di interessi sul saldo di bilancio complessivo, alcuni potrebbero sostenere che questi pagamenti di interessi, attualmente pari a circa il 4,3 per cento del PIL, sono una fonte di stimolo, dato che rappresentano flussi di reddito pubblico verso il settore non governativo.

Il problema è che una percentuale significativa di questi flussi è destinata alla BCE, che detiene oltre 560 miliardi di euro, circa il 18% del debito pubblico italiano di.

Gli investitori con sede in Italia detengono circa il 70 per cento del debito del governo italiano in circolazione. I detentori del debito non appartenenti all’area dell’euro comprendono circa il 5 per cento di tutto il debito in essere.

La natura restrittiva della posizione fiscale in Italia è mostrata nel grafico seguente, che coglie la variazione del saldo fiscale negli ultimi 12 mesi (in percentuale del PIL).

Un cambiamento positivo indica che il deficit sta diminuendo.

L’Italia ha subito un significativo spostamento fiscale in senso restrittivo in questo periodo, che, in parte, è la ragione per cui il suo tasso di crescita è a zero e si sta dirigendo verso gli Stati in recessione.

(…)

 

Conclusione

Mentre la Commissione europea sta tentando di forzare l’Italia a “giocare secondo le regole”, il punto ovvio è che le regole sono contro la prosperità.

Le società umane non possono sopportare un’austerità prolungata e le patologie che le accompagnano (disoccupazione elevata, aumento della povertà, salari bassi, rottura sociale).

La gioventù italiana affronta un futuro tetro se questa situazione continua.

Per alleviare la crisi, che arriverà quando i mercati obbligazionari faranno salire i rendimenti che sono disposti a pagare per assumere il debito del governo italiano, la BCE dovrà intervenire, proprio come nel giugno 2012, quando è sorta una situazione simile.

(…)

L’unica cosa tra l’insolvenza italiana e il proseguimento all’interno dell’Eurozona sarà la banca centrale.

Le incertezze sono quale ruolo prenderà la Commissione nel “gioco del pollo” (nella teoria dei giochi, il principio del “gioco del pollo” è che mentre ogni giocatore preferisce non cedere all’avversario, il risultato nel caso in cui nessun giocatore cede è il peggiore possibile per entrambi i giocatori) e se la spavalderia italiana persisterà.

Spero che il governo italiano mantenga la sua posizione e costringa la Commissione ad una ritirata imbarazzante.

L’Italia ha bisogno di un disavanzo molto più ampio del 2,4 per cento al momento, ma anche la proposta di bilancio del governo per il 2019 è migliore di quella richiesta dalla Commissione.

Quest’ultimo deve sapere che le sue richieste stanno costringendo l’Italia alla recessione. Per loro, l’ideologia e la “disciplina” vengono prima di ogni altra cosa – persino delle persone del continente europeo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...